GALLONI: REGOLE EUROPEE IRRAZIONALI ED ASSURDE
http://www.agenparl.com/news.asp?id=9364

ROMA, 8 giugno 2005 - AgenParl - L’economista Nino Galloni ha inviato all’AgenParl la seguente nota: “A prescindere dall’effettiva apertura di una procedura UE contro l’Italia - che deve essere decisa formalmente dal consiglio dei ministri economico-finanziari dell’Unione stessa - resta solo il fatto provato che ci siamo, tutti, volutamente sottoposti a delle regole irrazionali e assurde. In particolare, bisogna restituire flessibilità alla politica economica e monetaria. Ciò può avvenire attraverso due percorsi: uno richiede il ritorno alla piena sovranità degli stati, l’altro richiede che l’Europa nel suo complesso eserciti tale flessibilità togliendola ai tecnoburocrati e restituendola ai politici.
Se l’economia tentenna e i privati non fanno abbastanza investimenti, nemmeno a seguito di alleggerimenti delle tasse, occorre che un’autorità pubblica - titolare dei poteri monetari - li eserciti per effettuare i necessari investimenti e interventi. Ecco la questione centrale da cui dipenderà la sopravvivenza o meno dell’euro”.