MARCO SABA Curriculum Vitae

marco saba

Marco Saba is an economist specialized in forensic accounting. He published three books: "Bankenstein" (2006), "O la banca o la vita" (2008), and "Moneta Nostra" (2010, available online). (Forthcoming: "Forensic accounting of money creation.")

He was born in 1961 in Florence. Her mother, a psychologist, came from a Dutch dynasty of notaries dating from the 1300’. His father was a lawyer - son of a director of the Florence Chamber of Commerce - adhering to the “Soccorso Rosso Militante” initiative to protect left-wing protester from judiciary persecution. After graduating in classic studies, he attended a Master in “IT planning and engineering” at the SDA-Bocconi in Milan.

He worked for some years at an aerospace company of North Italy and then for a Milan software-house producing software for bank accounting.

In 1997 he became an activist on the Internet campaigning for a full disclosure of Stay-Behind (Gladio) agents’ activity in Italy and North Africa.

In 1999 he campaigned against the use of uranium in weapons during peace-keeping NATO wars. He founded the Italian Ethic-Environmental Observatory (OEA, Osservatorio Etico Ambientale).

In 2000 he was summoned to testify in the Italian parliament (Commissione Affari Esteri e Comunitari) against the use of uranium in weapons that had began in Viet-Nam (uranium flechette) and Yom-Kippur (uranium bullets in sniper rifle). In the same year he was one of the two prosecutor in the Italian chapter of the International Tribunal for U.S./NATO war crimes in Yugoslavia organized by former U.S. Attorney General Ramsey Clark. In November, 4, he was the only Italian researcher invited at the international conference on depleted uranium organized by C.A.D.U. in Manchester, UK.

In 2003 he joined the Organized Crime Observatory of Geneve (O.C.O.) specializing in banking crime.

In 2005 he founded the Italian Center of Monetary Studies (C.S.M., Centro Studi Monetari) together with Prof. Antonino Galloni, a son of the former head of the Italian Superior Council of the Justices (Consiglio Superiore della Magistratura).

From 2006 to 2013 he published three books on banking while deepening his research on bank accounting frauds.

In 2014 he began to publicly auditing Italian banks on the accounting of money creation during the shareholders meetings at Unicredit, Carige, Intesa, Mediobanca, etc. In the same 2014 he was able to have INTOSAI (the UN body supervising supreme audit institutions) investigating about the mismanagement of bank accounting for money creation.

In January 2015, he was named president of the Italian Institute for Superior Studies in Economic and Monetary Sovereignty (IASSEM, Istituto di Alti Studi sulla Sovranità Economica e Monetaria) while continuing the bank auditing activity and some consulting for the Italian Court of Auditors, members of the Parliament, and other governmental bodies.

In 2016, the INTOSAI investigation ended up activating the IFRS to publish the DISCLOSURE INITIATIVE with Amendments to IAS 7.

In April, 2016 he began questioning the accounting practices at central banks by appearing at the 2016 shareholders meeting of the Swiss central bank in Bern (SNB-CH). In 2017, he began offering consulting and auditing services to the banking system. He teach in the course of "Forensic accounting on money creation."

He is currently the promoter of a private project to establish an International Monetary Cadastre under a “OpenClearing” initiative.

Facebook: https://www.facebook.com/marcosabait

Twitter: https://twitter.com/marcosabait


Italian version:

Marco Saba è un economista specializzato in contabilità forense.

Nato nel 1961 a Firenze. Dopo studi classici (filosofia teoretica) e un Master presso la SDA-Bocconi di Milano, ha lavorato per alcuni anni in una società aerospaziale del Nord Italia e poi per una software-house di Milano che produce software per la contabilità della banca.

Nel 1997 è diventato un attivista facendo campagna Internet per una divulgazione completa di Stay-Behind (Gladio); nel 1999 ha fatto una campagna contro l'uso di uranio durante le guerre della NATO. Ha fondato l'Osservatorio Italiano Etico Ambientale.

Nel 2000 è stato chiamato a testimoniare nel Parlamento italiano (Commissione Affari Esteri e Comunitari) sull'uso di uranio nelle armi utilizzate in Viet-Nam e Yom Kippur. Nello stesso anno è stato uno dei due relatori nel capitolo italiano del Tribunale internazionale U.S./NATO per i crimini di guerra in Jugoslavia, organizzato dal già Procuratore Generale degli Stati Uniti Ramsey Clark.

Nel 2003 entra a far parte dell'Osservatorio di Ginevra della criminalità organizzata (O.C.O.), specializzata nel crimine bancario.

Nel 2005 ha fondato il Centro Italiano di Studi monetari (C.S.M. Centro Studi monetari) insieme al Prof. Antonino Galloni, figlio dell'ex capo del Consiglio Superiore della Magistratura; e dal 2006 ha approfondito la sua ricerca sulle frodi contabili delle banche.

Ha pubblicato tre libri: "Bankenstein" (2006), "O la Banca o la vita" (2008), e "Moneta Nostra" (2010, disponibile solo on-line).

Nel 2014 ha iniziato a intervenire pubblicamente sulla contabilizzazione della creazione di moneta durante le assemblee degli azionisti di UniCredit, Carige, Intesa, Mediobanca, etc.

Nello stesso 2014 segnbala all'INTOSAI (l'organismo delle Nazioni Unite per la supervisione istituzioni superiori di controllo) la cattiva gestione della contabilità bancaria relativamente alla creazione di moneta. L'indagine si conclude nel 2016 con una direttiva di maggior trasparenza dello IAS 7.

Nel gennaio 2015 è stato nominato presidente dello IASSEM, Istituto di Alti Studi sulla Sovranità Economica e Monetaria, pur continuando l'attività di revisione della contabilità bancaria e svolgendo attività di consulenza per la Corte dei conti, per deputati italiani del Parlamento, e per altri enti governativi italiani ed esteri.

Nel mese di aprile 2016 ha iniziato a mettere in discussione le pratiche contabili presso le banche centrali intervenendo in occasione della assemblea degli azionisti della banca centrale svizzera a Berna.

Nel 2017 ha iniziato ad offrire servizi di consulenza e di revisione al sistema bancario e tiene il primo corso in assoluto di "Forensic accounting nella creazione di moneta".

Attualmente è il promotore di un progetto per stabilire un Catasto Monetario Internazionale nell'ambito dell'iniziativa “OpenClearing”. 


Intervento all'assemblea degli azionisti di Banca Carige il 28 marzo 2017:

http://iassem.blogspot.it/2017/03/intervento-allassemblea-azionisti-di.html